La notte dell’uccisione del maiale

La notte dell’uccisione del maiale (Edizioni Anfora, traduzione di Francesca Ciccariello), secondo romanzo di Magda Szabò scritto nel 1960, è una dettagliata tragedia famigliare che crea nel petto del lettore la sensazione di un vuoto d’aria incolmabile, lo trascina poi verso un epilogo la cui violenza sta tutta nelle parole ben calibrate, volte a esprimere nient’altro che un profondo e radicato rancore.

La notte dell’uccisione del maiale è una notte di dicembre del 1955 nella città ungherese di Debrecen. In poco meno di due giorni, quelli alla vigilia dell’uccisione e del conseguente banchetto, si ricapitolano le vicende delle due famiglie, i Tóth e i Kémery. I primi di bassa estrazione sociali, calvinisti e saponieri da più di una generazione, gli altri nobile famiglia cattolica. Le due famiglie hanno trovato un punto di incontro nel matrimonio tra Jànos Tóth e Paula Kémery, avvenuto ormai venticinque anni prima rispetto a quando prende avvio il romanzo.

“Se qualcuno gli avesse promesso che non ci sarebbe più stata la guerra, lui sarebbe stato seduto lì alle assemblee di pace tutti i giorni dalle cinque alle otto, avrebbe cantato e pregato insieme a ogni sorta di uomo, giallo, nero ed eschimese, insieme a tutti. Ma era vietato parlare di queste cose a casa, ci si poteva solo pensare. Paula, se avesse potuto farlo, avrebbe dato fuoco al mondo in tutti e quattro i suoi angoli.
Paula era arrabbiata.”

La Szabò riescea condensare in poco meno di trecento pagine, una generazione che si calcifica in un rancore insolubile, in un odio che non lascia spazio e che riesce a colmare distanze di tempi e spazi. Ci riesce offrendoci il punto di vista di ogni membro delle due famiglie ancora in vita, aggiungendo anche servitori e colleghi di lavoro, creando una costruzione perfetta, volta a svelare il cuore della vicenda seguendo un crescendo di comprensione che lascerà trasparire un odio ben nitido, in uno schema famigliare che allo stesso tempo diventa tanto doloroso da sembrare irrazionale.

Jànos e Paula sono infelici, come fuori posto e fuori tempo è la zia di Paula, ultima Kèmery a credere davvero fino in fondo nel loro orgoglioso passato, esasperata e rancorosa è anche la figlia dei due coniugi. Si agitano in preda ai cambiamenti e alle difficoltà i fratelli e la madre di Jànos, che lui ha abbandonato per unirsi a Paula. C’è spazio anche per i rancori contro gli spettri, contro chi da tempo ha lasciato questo mondo, come la sorella di Paula, Veronka. Lo sguardo di Veronka ha due pesi diversi nella vita di Paula o in quella del fratello o di Jànos, così come diverso è il ricordo che ha lasciato la zia di quest’ultimo.
Alla fine, sommando tutte queste solitudini, ciò che si ottiene è una profonda e incisiva estraneità, che giunta al limite massimo di portata riuscirà a mutare ogni più piccola relazione che si è venuta a creare, nel bene o nel male, in quegli anni.

La notte dell’uccisione del maiale è un palcoscenico dove ognuno può permettersi di raccontare il proprio nugolo di nero rancore e le proprie insidie tenute dentro e covate per anni, tutti i ricordi e tutti gli amori che sono cresciuti nel tempo, fino a occupare così tanto spazio che un solo punto di vista davvero non basta per poterli raccontare davvero, quando anche una sola notte sembra diventare irraggiungibile.

| La notte dell’uccisione del maiale, Magda Szabó (traduzione Francesca Ciccariello), 288 pagine, Edizioni Anfora
Anfora


(Questo articolo è scritto in occasione del mese che l’#IndieBBBCafé passa in compagnia della casa editrice indipendente Edizioni Anfora.)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...