Get this now | Il Settimino, occulto

Il Settimino merita più di una lettura molto probabilmente. Questa è stata la prima, carica di tensione, motivata dalla voglia di arrivare in fondo, risolvere il caso, sciogliere i dubbi. La seconda avverrà sicuramente a dicembre, sotto Natale (periodo in cui il romanzo è ambientato, io l’ho letto a luglio, ma me lo sono divorata ugualmente senza pietà), e sicuramente nella seconda lettura apprezzerò di nuovo la potenza di questa storia, scavando di nuovo tra gli intrighi e le infamie dell’Italia infestata e, ancor più realisticamente, corrotta di Fabrizio Borgio (Acheron Books). 

Quando un bambino nasce prematuro al settimo mese, nasce un Settimino, un essere umano dotato di oscuri poteri soprannaturali, chiaramente, fuori controllo.
Grazie a questa impronta horror Borgio costruisce un romanzo all’apparenza molto semplice: un omicidio, un giovane telecinetico allo sbando, un caso da risolvere. Ma non si tratta di un solo e piacevole orrore da gustare. Certo, non è nascosta la vena macabra e terribile, l’etichetta horror è quella che più si addice a Il Settimino. Ma il vero piacere provato nel leggere questo romanzo è quello che si prova quando ci si accorge di star vivendo una situazione ad alto tasso soprannaturale in una claustrofobica bolla di intrighi creata da un governo italiano marcio e corrotto. 

Affidandosi a un protagonista iconico, Stefano Drago è il tipico detective di un giallo ben costruito, vengono maneggiati temi spinosi, come la corruzione del governo, i segreti di Stato, insieme ai misteri affidati al DIP (Mulder approves). I problemi, pessima situazione governativa italiana e misteriose bambine piangenti si uniscono, andando a creare un quadro ben più complesso rispetto a quanto uno potrebbe aspettarsi da questo romanzo. 
Questo è il suo punto forte. Il Settimino è in grado di stupire il suo lettore snocciolando un intrigo al secondo, riassumendo il passato della storia italiana coinvolgendo lo spettatore in uno show di orrori ad alta tensione.

E questo che ci si aspetta da un horror (quasi fanta.politico in questo caso), ma Borgio ha affidato al DIP compiti ben più importanti, e a questo punto sembra quasi scontato aspettare un seguito delle avventure di Stefano Drago.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...