Wishlist | LCG e povertà.

Inizia il Lucca Comics e sì, anche se non volevo andarci quest’anno (cosa incredibile e infatti non veritiera) alla fine ho deciso che un salto è d’obbligo. 
Mi ha infastidita il nuovo acquisto dei biglietti che secondo me non servirà praticamente ad arginare nemmeno un quarto della follia umana che imperversa per le vie di Lucca durante la fiera.
I problemi sono altri, risolvibili, ma a quanto pare ci tocca giocare a rugby anche questa volta, e per entrare in un padiglione dovrò sorvolare stile Pidgey (cioè con poco stile e poca voglia) due tredicenni in fila per uno youtuber, un cosplay armato d’ascia e i peggiori: quelli di fretta e le mamme con il passeggino. 

Ma comunque. 
Programmare una grossa spesa quest’anno è inutile. Devo risparmiare e di certo non torno a casa bella carica come gli anni passati. Mi toccherà vendere i capelli come Fantine.
Una cosa comunque me la compro sicuro, che io vada là uscendone a mani vuote è non solo assurdo, ma sopratutto impossibile. Queste sono le cosine che tengo d’occhio.

  • Safari Honeymoon, Jesse Jacobs (Eris Edizioni). Prima ho visto la borsa di tela, poi mi sono informata.Disturbante e orrorifico. Da quel che ho capito tutto è giocato su diverse tonalità di verde che riusciranno a insinuare nella vostra testa le assurdità che questi sposini si ritrovano ad affrontare.
  • The Graveyard Book, Neil Gaiman & P. Craig Russel (NPE Edizioni). Questi due hanno già lavorato insieme per Sandman (anche in questo caso per leggerlo tutto dovrei sposare un sultano presumo, trovare un baule pieno di diamanti sotto il fico che ho nell’orto, cose così). Neanche a dirlo che è la versione a fumetti de “Il figlio del cimitero”. 
  • In God We Trust, Winshluss (Comicon). La spettacolarizzazione della Bibbia formato fumetto. Ho detto tutto.
                            

  • Diari di massacri, Shintaro Kago (Hikari). Non per stomaci forti. Atmosfera grottesca e sesso che porta ad ammassi putridi. 
  • Monster Allergy, Canepa & Barbucci (Tunué). Termina la serie rimasta in sospesa dal 2003. Da quel che ho capito ci srà solo il primo volume (di due).
                                   

  • Un ragazzo parte per un viaggio ferisce qualcuno e non torna più a casa, Collettivo Mammaiuto. Si tratta della loro prima antologia. Se non conoscete la Mammaiuto filate immediatamente a recuperare questa vostra carenza.

Direi basta. Anche perché lì mi perderò sicuramente afferando qualcos’altro (di solito rimango fregata quando c’è di mezzo Lovecraft o una qualche cosa erotica). Nella lista non ho segnato né Astrogamma di LRNZ né l’ultimo di Zerocalcare. Il primo perché io veramente adoro il suo stile, ma Golem a livello di storia l’ho trovato meh, il secondo perché ragazzi, da grandissima amante di Calcà a me questo nuovo volume per ora ispira poco.
Vedremo. 
Se ci siete anche voi miagolate in risposta. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...