Monday Mixture | saving Starks.

Questo post era necessario, perché sì, anche io sono capace di ricredermi. 
Le ultime puntate di Doctor Who (che sembrava volesse compiere un suicidio, continuano a menarla con la storiella del “Save Clara, Save the world”) sono state veramente ottime.
Before the Flood ha riguadagnato un sacco di terreno. Under the lake, la prima parte, era stata banalissima. Ovvio che quelle fossero coordinate, già visto un equipaggio come quello, già vista la suspense da corridoio infestato. 
Ah, io adoro quelle puntate ambientate nel futuro in una qualche base dove chissà cosa diavolo fanno. E la seconda parte infatti è una gran bella puntata, dove finalmente si torna a parlare di cose serie. Il viaggio nel tempo. Che sarebbe stata una puntata fighissima si capiva già dal Dottore che nei primi tre minuti sfonda la quarta parete e ci introduce al Bootstrap paradox. Ottima sceneggiatura, ottima regia, bellissima l’ambientazione nel campo di addestramento anti russo, villain come non se ne vedevano da un po’ (e pois olo il nome, Fisher King), e soprattutto, gran furbata ai fini della trama quella si inserire un personaggio sordomuto. 


The girl who died ha fatto guadagnare altri punti allo show. A parte Maisie Williams come guest star (che sono già un sacco di punti), ma quella che sembrava una puntata ridanciana ha risvegliato un sacco di feels. Il Dottore che capisce perché ha scelto proprio quella faccia, la sua nuova faccia, è stato un bello schiaffo. 
Ma sopratutto, forse Moffat ha capito che non siamo così stupidi? Che lanciare piccole frecciatine è molto meglio che farci capire tutto e subito? Chi diavolo è il Minister of War?


A parte il Dottore vi dirò, niente di così esaltante. 
HTGAWM sembra stia perdendo mordente. Un po’ troppo pretestuose le meccaniche. 
Gotham, ragazzi, hanno tolto di mezzo Jerome. Sono completamente matti. Però ecco, bisogna notare quanto sia migliorata la serie rispetto alla precedente. Meno filler, più trama, Insomma ha un senso. 


Ah, ho visto la prima puntata della nuova stagione di American Horror Story. Si chiama Hotel, ma credo che il titolo adatto sia “Gaga”. Dire che le calza a pennello (aka fatta appositamente per lei in maniera quanto mai palese) è riduttivo. Mentirei dicendo che non mi piace. Freak Show l’ho abbandonata subito, quella era veramente inguardabile. Però ecco, se Murder House e Asylum per me erano serie tv, Hotel è invece un guilty pleasure. 
Però per rifarmi un po’ gli occhi ho intenzione di iniziare Aquarius
Che dite? 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...